Benvenuto su questo spazio. Molti sono gli argomenti: troverai attualità, schede di giardinaggio, ricette di cucina, articoli sulla natura, parapsicologia, mitologia, favole, poesie, letteratura, la Roma del tempo che fu. Spero che trascorrerai attimi piacevoli e sereni e, se vorrai intervenire o contattarmi, ne sarò felice.

Marista
Siete in: Home arrow Articoli arrow l'Italia non c' pi, questa Italia non appartiene a troppi di noi ormai
Ricerca personalizzata
Amministrazione
l'Italia non c' pi, questa Italia non appartiene a troppi di noi ormai PDF Stampa E-mail

Scritto da Marista Urru   
sabato 12 gennaio 2013
palude
Italia: una palude, sotto il velo verde marcisce la vita e si moltiplicano i parassiti che del marcio si nutrono.

Non so se voterò, più no che si.

Il rifiuto della farsa, la stanchezza per le bugie, i pressappochismi, le frodi, le iniquità, di una classe dirigente amministrativa e politica, è fortissimo.

Ormai mi appare evidente la inemendabilità del sistema: marcio, colluso da troppo tempo, incancrenito nella convinzione. in coloro che vi partecipano, di non dover operare per il bene del proprio Paese e dei propri connazionali, ma solo e soltanto per realizzare  interesse a vanità personale .






Chi arriva a ricoprire incarichi in posti chiave appare distaccato dalla realtà del Paese e le sue azioni appaiono volte per lo più ,o ideologicamente contro questo o quello, o semplicemente al proprio personale interesse .

Si respira aria, tanfo, di degrado ovunque,  mancanza totale di principi.  Politici in guerra, contro “nemici “ creati a bella posta, perchè alla fine della fiera chi vince la guerra sia legittimato ( ormai si legittima di tutto ) a cuccarsi la pentola d'oro dei danari dei contribuenti, e magari, perchè no... possa arrivare ad appropriarsi delle spoglie e dei beni dei vinti, legittimando  copertamente tale sozzura ovviamente, come fin ora hanno più meno nascostamente fatto, anche se lo negheranno, aiutati dalla Stampa che sempre sta col regime, visto che non è capace di pagarsi  col proprio  lavoro.

 Ma chi è stato bruciato sa bene CHI lo ha bruciato, chi scientemente ha impoverito alcuni facendo pagare la crisi delle care amiche Banche solo ad una parte degli Italiani , preservando l'altra.

Non posso lasciare questo Paese, ma , con dolore, non sono più Italiana, non di questa Italia marcescente.

Scrivi Commento
  • Si prega di inserire commenti riguardanti l'articolo.
  • Commenti ritenuti offensivi verranno eliminati.
  • E' severamente vietato qualsiasi tipo di spam. Cose del genere verranno cancellate.
  • I commenti verranno approvati dall'Amministratore prima di venire pubblicati.
  • Ricordarsi di inserire il codice numerico nell'apposito box
  • Se il codice è errato riaggiornare la pagina (refresh)
Nome:
Sito web
Titolo:
Commento:

Desidero essere contattato quando vengono pubblicati altri commenti


Riporta quest'articolo sul tuo sito!

  Lascia il primo commento!

Powered by AkoSuite 2007

Condividi con
 
< Prec.   Pros. >
Libri da non perdere

 
Downloads
     
 
 
     
 
 


Segnalato su:
 
     
il Taggatore  
     
Viadeo  
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.