Benvenuto su questo spazio. Molti sono gli argomenti: troverai attualità, schede di giardinaggio, ricette di cucina, articoli sulla natura, parapsicologia, mitologia, favole, poesie, letteratura, la Roma del tempo che fu. Spero che trascorrerai attimi piacevoli e sereni e, se vorrai intervenire o contattarmi, ne sarò felice.

Marista
Siete in: Home arrow Scritti & Aforismi arrow Roma arrow Leggende arrow Il mito della fenice e le voyage di Baudelaire
Ricerca personalizzata
Amministrazione
Il mito della fenice e le voyage di Baudelaire PDF Stampa E-mail

Scritto da Marista Urru   
lunedý 16 novembre 2009


La leggenda dello splendente uccello di fuoco, mitico animale che risorge dalle proprie ceneri,  attrae ed affascina da sempre l'uomo.
Ha origini sciamaniche, deriva dalla tradizione mongolo-siberiana in cui il re - sacerdote sciamano in sogno o durante la danza rituale ascendeva  lungo il tronco dell'albero cosmico  su fino al sole per tornare sulla terra, diventando  così uomo - luce,   che poi altro non sta a simboleggiare che la trasformazione spirituale  dello sciamano che , passato attraverso i molteplici livelli dell'essere, diventa spiritualmente immortale.







Nove mondi ricordo
nove sostegni,
e l'albero misuratore, eccelso
che penetra la terra.

L'albero misuratore è l' Yggdrasill il grande frassino che si leva al centro dell'universo e rappresenta la continuità e la vita stessa dei nove mondi
.
La concezione sciamanica dell'uccello fenice,  la  troviamo  presente in tutto l'est, fino alla Siberia.  Nelle tradizioni orientali abbiamo infatti,  rapportabili alla fenice ,diversi uccelli simbolici, mentre  già sin dalle origini del teatro sia indiano che mongolo o tibetano, vediamo gli attori mimare il volo fiammeggiante della fenice, simbolo del sole, della forza cosmica del principio generatore della vita, della immortalità dello spirito liberato dalle scorie della umana limitatezza.




















In sostanza questo mito , questo mistero , viene ripreso ed elaborato, variato e curato  in tutte le civiltà ed arriva anche nel mondo occidentale greco e latino, sempre  collegato al ciclo cosmico.

Ovidio : Ovidio nelle Metamorfosi - XV,392 - colloca la fenice in Assiria:
Esiste un uccello che da solo si rinnova e si riproduce:
gli Assiri lo chiamano fenice; non vive di frutti né di erbe,
ma di lacrime d'incenso e di succo di cardamomo.

Naturale che dal mondo romano venisse poi accolto anche dalla simbologia Cristiana quale segno della resurrezione di Cristo.
La leggenda  dell'uccello di fuoco in sé è suggestiva, in ambito egiziano per esempio  si credeva che esistesse il Bennu , un uccello sacro identificato con la Fenice,  che  rappresentava il Ba , l'anima del dio Ra il sole,  di cui  infatti era l'emblema,  così che   nel tardo periodo il geroglifico raffigurante il Bennu era usato per rappresentare il dio sole.
 La  cosmogonia  eliopolitana racconta che l'uccello sorse dalle fiamme di un albero sacro, e che il suo canto era talmente divino che lo stesso  dio Ra arrestava la sua barca per ascoltarlo.
Raffigurato come l'Airone che si posava sulla sommità delle rocce che sbucavano dopo l'inondazione del Nilo, il suo ritorno  fu considerato segno di un periodo di ricchezza e fertilità.

Quindi la fenice fu espressione della forza dell'Universo in ogni cultura, oltre che espressione del ciclo cosmico e del rinascere della vita, ma anche del cammino purificatore dello spirito  necessario per potere accedere al mondo ultraterreno,  alla  nuova vita.









"Io sono Fenice, rinata dalle ceneri, più forte, più pura e più bella che mai;
 io sono lo Spirito che continua a vivere in eterno, dopo che si è liberato dal corpo mortale.
Conosciuta dagli uomini delle terre dell'Est e dell'Ovest,
gli antichi Egizi mi chiamarono Bennu, la splendente, uccello di fuoco,
l'anima di Ra il sole, l'araldo di tutte le cose a venire.
Io sono scesa sulla Terra per annunciare l'avvento della luce,
colei che scandisce il tempo in giorno e notte, in anni e cicli.
Da Osiride mi venne il dono dell'immortalità e la corona piumata.
Io sono Fenice, uccello di fiamme, creatura dell'aria
che vola libera e inarrestabile per indicare il cammino delle stelle.
Io sono il fulgido esempio all'uomo perché acquisisca dalla distruzione delle sue scorie l'energia primigenia, e con essa si liberi nuovamente in volo.
Io sono Fenice, libera, battagliera, forte e fiera."


Normale che gli alchimisti  chiamassero l'uccello fenice  a rappresentare la fase finale della Grande Opera: la rinascita della personalità; esso ( l'uccello fenice è sempre maschio)  è un  uccello bellissimo e mitico , rosso come il fuoco creatore ( da qui il nome), capace di  dissolvere le tenebre e la morte, simbolo dell'anima liberata dalla limitatezza della natura umana che ricrea se stessa.

Un mito che non morirà mai,  presente ovunque nelle diverse civiltà, come  potremmo abbandonare il sogno della rinascita , il sogno di chi non si accontenta della immortalità, ma vuole di più, vuole trovare  attraverso la morte qualcosa di diverso, di nuovo , di mondato  dal male di vivere conosciuto.
 E la mente va a  Baudelaire, poeta ora attualissimo e moderno, che con i suoi "fiori del male" , dopo aver descritto quei paradisi artificiali che illusoriamente confortano l'uomo dalle proprie debolezze, si lascia e ci lascia uno spiraglio  una speranza di riscatto nell'ultimo  "voyage", il Viaggio  con la morte,  " Le voyage " è la poesia che chiude l'opera.

IL VIAGGIO

0 Morte, vecchio capitano, è tempo! Sù l'ancora!

Ci tedia questa terra, o Morte!

Verso l'alto, a piene vele!

Se nero come inchiostro

è il mare e il cielo,

sono colmi di raggi

i nostri cuori, e tu lo sai!

Su, versaci il veleno

perché ci riconforti!

E tanto brucia nel cervello

il suo fuoco.

che vogliamo tuffarci nell'abisso

Inferno o Cielo cosa importa ? -

discendere l'Ignoto nel trovarvi

nel fondo alfine il nuovo

Scrivi Commento
  • Si prega di inserire commenti riguardanti l'articolo.
  • Commenti ritenuti offensivi verranno eliminati.
  • E' severamente vietato qualsiasi tipo di spam. Cose del genere verranno cancellate.
  • I commenti verranno approvati dall'Amministratore prima di venire pubblicati.
  • Ricordarsi di inserire il codice numerico nell'apposito box
  • Se il codice è errato riaggiornare la pagina (refresh)
Nome:
Sito web
Titolo:
Commento:

Desidero essere contattato quando vengono pubblicati altri commenti


Riporta quest'articolo sul tuo sito!

  Commenti (2)
1. Scritto da Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo , il 19-11-2009 01:32
Franco davvero quello che mi scrivi mi fa un gran piacere, un grazie ed un salutone 
marista
2. Scritto da Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo website, il 18-11-2009 20:47
Salve.  
Cara Marista non tÝ si pu˛ dire che: BRAVA. Il tuo modo di descrivere la Fenice e semplicemete fantastico, la prosa che proponi poi e lungimirante e senza tempo. Auguronen per altri post in futuro, e sempre un piacere leggerli. 
Salut÷nen

Powered by AkoSuite 2007

Condividi con
 
Pros. >
Libri da non perdere

 
Downloads
     
 
 
     
 
 


Segnalato su:
 
     
il Taggatore  
     
Viadeo  
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.