Criminali! All'Aquila cemento impastato con sabbia di mare

Scritto da Marista Urru   
venerdý 10 aprile 2009











Paolo Clemente ingegnere dell'Enea facente parte  del gruppo di lavoro Enea_ Protezione civile che  sta lavorando attualmente  tra le macerie della città ha rivelato che  il cemento non ha retto perché si è ricorsi ad una truffa criminale, purtroppo  non tanto rara: si è usato invece che sabbia di fiume, sabbia di mare che non costa niente,ma non fa presa, troppo impura e piena  di cloruri che col tempo hanno mangiato il ferro delle fondamenta.

Di fronte a tanta indifferenza per la sicurezza, di fronte alla colpevole incuria di chi non ha controllato il cemento, se andava controllato o di chi non ha disposto controlli per il cemento, viene davvero voglia di mandare all'inferno tutti i responsabili del vapore, buoni a succhiare soldi, mentre ci lasciano in mano non si sa bene di chi o "cosa" , e questo vale per tutto: Economia , Pubblica Amministrazione,  lobby di ogni ordine e grado, VERGOGNA!!

Notizia ripresa da Repubblica




















Potrebbe interessarti:

Abruzzo: ricostruzione e timore nuovi stupri paesaggistici Irpinia Docet


La rete si mobilita per l'Abruzzo, il lato umano degli Italiani emerge infine?

Il Terremoto immagini dal web

Scrivi Commento
  • Si prega di inserire commenti riguardanti l'articolo.
  • Commenti ritenuti offensivi verranno eliminati.
  • E' severamente vietato qualsiasi tipo di spam. Cose del genere verranno cancellate.
  • I commenti verranno approvati dall'Amministratore prima di venire pubblicati.
  • Ricordarsi di inserire il codice numerico nell'apposito box
  • Se il codice è errato riaggiornare la pagina (refresh)
Nome:
Sito web
Titolo:
Commento:

Desidero essere contattato quando vengono pubblicati altri commenti


Riporta quest'articolo sul tuo sito!

  Commenti (4)
1. "FatalitÓ"
Scritto da Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo , il 11-04-2009 15:40
Ciao Emule, benvenuto e grazie per aver commentato, in effetti hai in parte ragione, molti palazzi sono caduti perchŔ vecchi e senza manutenzione nel tempo, ma Ospedale e quelli nuovi sembra che davvero abbiano sabbia di mare invece che cemento. 
Ho visto il tuo sito, c'Ŕ tantissimo da vedere, complimenti. 
un saluto e buone feste da Marista
2. Scritto da Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo , il 11-04-2009 15:34
Hai ragione Claudio, giÓ immagino il prossimo rimpallo delle responsabilitÓ, mai sapremo chi ha usato sabbia di mare invece che di fiume.
3. Scritto da Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo website, il 11-04-2009 14:25
Piu' che colpa alla sabbia di mare io la darei all'anzianita' dei palazzi...Purtroppo in Italia molte citta' hanno ancora palazzi vecchissimi...
4. "FatalitÓ"
Scritto da Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo , il 11-04-2009 13:29
Secondo me la cosa pi¨ scandalosa Ŕ che con molta probabilitÓ chi ha fatto la scelta di impastare con la sabbia di mare si Ŕ sentito molto furbo e dorme sonni tranquilli, essendo privo di coscenza: classicamente tutto italiano il ricorso alla scusa della "fatalitÓ". Lo usa chi a causa della guida spericolata causa incidenti mortali, figuriamoci chi truffa causando una strage.

Powered by AkoSuite 2007

Condividi con