Grillo:parole platealmente travisate studenti docenti diritto a dissenso

Scritto da Marista Urru   
giovedý 15 novembre 2012

studenti
Premetto : se i poliziotti si unissero ai giovani non violenti che fine farebbero le falangi armate di Ponte Sisto e gli infiltrati tra gli studenti? Se i poliziotti difendessero il diritti dei dimostranti a dimostrare pacificamente? Questi erano i dimostranti insieme ai docenti

Sarebbe dovere  dei poliziotti proteggere questi dimostranti ed il loro diritto a dimostrare.
Ha ragione beppe Grillo!

Invece sul Giornale di oggi appare un surreale preambolo ad un articolo  di Libero Pennucci
Beppe Grillo ai poliziotti: "Unitevi alla rivolta"Beppe Grillo ha scelto. Sta con la rivolta. Con chi spacca tutto e blocca le città. Con chi preferisce la violenza alle parole. E consiglia ai poliziotti di posare casco e scudo per unirsi a chi protesta.

 


 




Peccato che Grillo non ha affatto detto che i poliziotti debbono rivoltarsi qui il suo discorso , per chi sa leggere e capire senza metter in bocca dell'altro cose non dette.

Malafede, superficialità, disinformazione o tutto questo insieme? Non lo so, ma  sta di fatto che che ieri, come ad ogni dimostrazione, e come ampiamente documentato ed ammesso da molta stampa, si sono avuti infiltrati violenti e travisati ( sono riusciti ad arrestarne di questi ultimi uno solo, i poliziotti erano troppo intenti a spaccare la testa ai ragazzini? ) Grillo in questo clima di violenza generalizzata invita i poliziotti ad un atto pacificatore verso ragazzini e studenti perchè noi non si debba vedere più spettacoli orribili come questi che coinvolgono, a vergogna dei mandanti , studenti e poliziotti, e questi ultimi bene hanno fatto a filmare “gli studenti” guerriglieri, tanto per chiarire.

La guerriglia serve solo ad impedire futuri dissensi,ha ragione Beppe Grillo, ripeto: se i poliziotti “smessi scudi e caschi si unissero agli studenti... che fine farebbero le falangi travisate?


  1. Un giovane apparentemente disarmato, almeno al momento in cui viene buttato per terra , trascinato e selvaggiamente manganellato in faccia

    http://video.repubblica.it/dossier/protesta-studenti-autunno-2012/roma-manganellate-in-faccia-a-un-manifestante/110783/109171

  1. calcio in faccia ad un manifestante caduto per terra

    http://video.repubblica.it/dossier/protesta-studenti-autunno-2012/il-calcio-in-faccia-al-manifestante-caduto-a-terra/110861/109249

  2. Gli studenti schierati a ponte Sisto video girato dalla polizia

    http://video.repubblica.it/dossier/protesta-studenti-autunno-2012/roma-gli-studenti-schierati-il-video-girato-dalla-polizia/110838/109226

Ho vissuto a Roma e ho subito il caos e la paura degli anni dal 68 ed oltre, come spettatrice che “guardava e vedeva” Ed ho visto tanta confusione e commistione in lotte - tafferugli polizia-studenti. Un senso di rigetto infinito, vedere, capire, che , allora come oggi, i soggetti impegnati appaiono TRE: manifestanti pacifici, poliziotti nervosissimi ed alcuni, giovani, spaventatissimi, e  nerboruti , palestratissimi, travisati individui. Questo a me basta per provare rifiuto verso l'articolo di Libero Pennucci sul Giornale di oggi. I giornalisti sanno benissimo quello che l'uomo della strada ha diritto di ignorare, e se fossero disinformati sarebbe il caso che si informassero sì da poter muovere le critiche che ritengono di dover muovere, in maniera davvero costruttiva.

  autonomi il 14 novembre 2012 a roma

Autonomi pronti alla guerriglia contro la polizia. Questi non mostrano la faccia, questi non sono manifestanti .

Ma allora la manifestazione? Eccola, studenti e docenti, dal blitz quotidiano


Corteo a Roma di studenti, genitori e professori:

manifestazione studenti docenti a Roma

C'è una certa differenza mi pare,  e per colpa di quelle falangi armate, che facciamo? Impediamo il dissenso, impediamo di fatto le manifestrazioni? E' questo che il Potere vuole?

dal blitz quotidiano:

Corteo di studenti, genitori e docenti a Roma: la manifestazione è terminata davanti al Ministero della Pubblica Istruzione, dove i manifestanti hanno incitato alle dimissioni il governo.

Sulle scale del Miur e’ disposto un cordone di agenti delle forze dell’ordine in tenuta antisommossa. ”Siamo 30 mila”, gridavano dai megafoni gli organizzatori del corteo. I manifestanti hanno urlato ripetutamente slogan come ‘Scuola pubblica’, ‘La scuola non si tocca la difenderemo con la lotta’.

Tra i cartelli esposti ‘Contro il ddl Aprea di rivolte una marea’, ‘L’istruzione non e’ una merce, la scuola non e’ un’azienda’. Alcuni dei manifestanti hanno acceso dei fumogeni.

Studenti e docenti erano scesi in piazza per chiedere a gran voce una scuola ”uguale per tutti”, ”piu’ statale e piu’ libera”.

I docenti in particolare erano scesi in strada per dire no al ddl 935 (ex Aprea) e all’innalzamento dell’orario degli insegnanti a 24 ore.

Proteste non rivoluzionarie della società reale  , ma come altre volte, sono state soffocate da guerriglia, violenza, sangue .. il POTERE RINGRAZIA



Scrivi Commento
  • Si prega di inserire commenti riguardanti l'articolo.
  • Commenti ritenuti offensivi verranno eliminati.
  • E' severamente vietato qualsiasi tipo di spam. Cose del genere verranno cancellate.
  • I commenti verranno approvati dall'Amministratore prima di venire pubblicati.
  • Ricordarsi di inserire il codice numerico nell'apposito box
  • Se il codice è errato riaggiornare la pagina (refresh)
Nome:
Sito web
Titolo:
Commento:

Desidero essere contattato quando vengono pubblicati altri commenti


Riporta quest'articolo sul tuo sito!

  Lascia il primo commento!

Powered by AkoSuite 2007

Condividi con