Lo scorpione e la rana:la stupiditÓ e la cattiveria spesso sono insieme

Scritto da Marista Urru   
lunedý 24 settembre 2007
La favola è nota.

La storia è questa. Uno scorpione vuole attraversare un fiume, ma non sa nuotare. Chiede a una rana di traghettarlo. La rana non si fida, ma lo scorpione la rassicura: “se ti pungessi annegherei”. La rana  convinta, accetta, ma a metà percorso lo scorpione la colpisce con il suo aculeo velenoso. La rana, disperata e morente, gli chiede “Perché?”. Lo scorpione, prima di morire annegato, risponde “È la mia natura”.


La morale della favola?

E' di una semplicità sconcertante, esprime una verità che è sotto gli occhi di tutti noi :ci sono persone che agiscono danneggiando stoltamente sè stessi e gli altri, senza nè valido nè comprensibile motivo, un baco una follia che si annida nella natura di alcuni umani, sono stupidi e cattivi, la natura li spinge a commettere cattiverie anche a costo di danneggiare se stessi

Molti anche oggi stanno stupidamente danneggiando L'Italia, con lo spirito sciocco dello scorpione, mentre altri stoltamente come la rana si sono fatti fregare passivamente dalla malignità dello scorpione, per pigrizia mentale.
Il risultato dell'incontro di queste due stupidità ha fatto la felicità di molti e facilmente individuabili personaggi, mentre sta portando alla rovina un Paese

Scrivi Commento
  • Si prega di inserire commenti riguardanti l'articolo.
  • Commenti ritenuti offensivi verranno eliminati.
  • E' severamente vietato qualsiasi tipo di spam. Cose del genere verranno cancellate.
  • I commenti verranno approvati dall'Amministratore prima di venire pubblicati.
  • Ricordarsi di inserire il codice numerico nell'apposito box
  • Se il codice è errato riaggiornare la pagina (refresh)
Nome:
Sito web
Titolo:
Commento:

Desidero essere contattato quando vengono pubblicati altri commenti


Riporta quest'articolo sul tuo sito!

  Lascia il primo commento!

Powered by AkoSuite 2007

Condividi con